Negli occhi di Niveo a ritmo di hit parade

Negli occhi di Niveo a ritmo di hit parade

Niveo è giovane, ma le sue idee sembrano essere ormai più che chiare: dopo l’esordio, qualche mese fa, con “Sui sedili della metro”, il nuovo singolo del cantautore toscano mette in luce tutto il potenziale di un artista che parte dal mainstream per involarsi verso un modo tutto suo di intendere la parola “pop”, senza svilirla in pose che, a dire il vero, paiono aver fatto il loro tempo.

“Occhi” è un brano che lascia il segno con leggerezza, mescolando mondi musicali diversi nel valzer ritmato di un singolo estivo che non tormenta come i tormentoni, ma piuttosto sembra dare maggior energia alla resa di un progetto da seguire con attenzione, eccome.

Noi, per non trovarci tra un paio di mesi a pentirci di non averlo fatto subito, abbiamo fatto qualche domanda al ragazzo, che di strada da percorrere ne ha ancora – eccome – davanti, ma sembra ben intenzionato a bruciare tutte le tappe disponibili.

Bentrovato su NWR Niveo, è un piacere averti con noi! Allora, partiamo dalle cose basilari e semplici: perché “Niveo”? Come nasce il tuo nome d’arte?

Niveo nasce una sera in chiamata con i miei migliori amici mentre ero avvolto dalla disperazione perché non riuscivo a trovare un nome d’arte adatto a me.

Pensando al fatto che ho sempre avuto i capelli bianchi fin da piccolo, allora cercando su Google sinonimi di bianco ecco che è uscito niveo. ed eccomi qui.

Hai pubblicato, qualche mese, “Sui sedili della metro”, il tuo primo singolo. Esiste qualche collegamento tra il tuo brano d’esordio e “Occhi”, la canzone che hai appena pubblicato?

A primo ascolto sembrano due canzoni quasi completamente diverse ma ci sono diverse analogia, la più importante si trova nel testo, infatti il tema principale di entrambe le canzoni è un amore incompleto, quasi distruttivo.

Dalle tue note stampa, leggiamo che “Occhi” è nata in modo piuttosto particolare, quasi rocambolesco… Ti va di raccontarci come?

Mi piace pensare che un singolo possa essere come un bambino, e in questo caso se questo brano fosse un bambino avrebbe tre luoghi di nascita diversi: Il pezzo è nato una notte di maggio nella mia cameretta dove ho scritto il primo giro di chitarra, qualche giorno dopo ho scritto la prima strofa deola canzone in live su Tik tok e giorni dopo, nello studio di formica dischi, la mia etichetta discografica, abbiamo chiuso il pezzo insieme al mio produttore Fabio Zini e il mio mix and master engineer Mattia Lassi.

La produzione del brano è potente, perché mescola fra loro stili diversi che esaltano però alla perfezione il senso di una canzone ben scritta e ben pensata. Chi si è occupato dell’arrangiamento?

Tutto merito del mio arrangiatore Fabio Zini, parte portante del team Formica Dischi. Lui è stato uno delle persone più importanti per me musicalmente parlando, mi ha cresciuto e continua a farlo al meglio.

E tu? Sei solito scrivere melodie e poi testo, o viceversa? Insomma, come nasce una tua canzone?

Solitamente prima scrivo il giro di accordi proprio come nel caso di questa canzone, poi provo a captare le sensazioni che quella musica mi da e ci scrivo ciò che penso, ed ecco qui una canzone.

Senti, dicci tre cose che porteresti con te se arrivasse l’apocalisse e fossi costretto a rifugiarti su un’isola deserta.

Mi porterei un impianto musicale enorme così da mettere il volume più alto possibile tanto nessuno si può lamentare.

Poi porterei sicuramente la mia chitarra e per ultimo non saprei… forse una barca per scappare dall’isola nel caso in cui l’apocalisse finisse.

Il tuo obbiettivo per i prossimi mesi?

Continuare a scrivere musica e continuare a vivere per poter avere qualcosa da raccontare nelle mie canzoni, niente di più niente di meno.

Laureata in linguistica all’UniBo con una passione per le arti in tutte le sue espressioni. Sempre attenta alle novità in ambito creativo. Scrivo prevalentemente di cinema, ma mi interesso di tutto ciò che è espressione artistica come la musica e il teatro

By |2022-07-19T14:12:56+02:00Luglio 2022|musica, recensioni|