Tra le possibili imperfezioni di Zanna

Tra le possibili imperfezioni di Zanna

Cosimo “Zanna” Zannelli ha pubblicato di recente “Ogni possibile imperfezione”, album dal quale ha tratto “Transitorietà”, il proprio ultimo video. Gli abbiamo rivolto qualche domanda.

Ciao e benvenuto. “Transitorietà” è il tuo nuovo brano. Soddisfatto dell’accoglienza fin qui?

Ciao! Molto, evidentemente certi argomenti interessano più di quanto pensassi.

Che emozioni speri di suscitare in chi ascolta il pezzo?Una riflessione divertente. Pensare è più facile se ciò che ti fa riflettere ti fa pure ballare e cantare.
La canzone popolare può veicolare in maniera molto efficace contenuti profondi, senza essere necessariamente struggente o drammatica. L’ironia ed il nonsense sono fra le armi maggiori a disposizione del cantautore, oltre alla sensibilità poetica.

Raccontaci qualcosa del video.

Si vedono tutte le parti suonate in un fumetto che prende vita…E alcuni dettagli vanno e vengono, in transito a loro volta.

“Ogni possibile imperfezione” è il tuo nuovo disco. Ci spieghi il titolo e ci dai tre motivi per cui dovremmo assolutamente ascoltarlo?

Il titolo si riferisce alle imperfezioni umane, paragonate a quelle che rendono unici gli oggetti di artigianato. Si parla quindi di imperfezioni in positivo, come segni di originalità piuttosto che come difetti.
Rispetto al perché dovreste ascoltarlo ti rispondo come Blutarsky in Animal House…
“Perché no?”

Quali sono gli artisti, italiani o stranieri, ai quali ti senti più vicino?

Il mio background è fatto principalmente di classic rock e cantautori ma mi interessa tutta la musica, inclusa quella che non mi piace…Ho sempre avuto una visione “crossover” dei generi musicali.
Prediligo chi mette a frutto una sensibilità poetica, sia nelle forme che nei contenuti…Potrei citare Niccolò Fabi o Samuele Bersani da questo punto di vista.

By |2022-06-14T12:16:31+02:00Giugno 2022|interviste, musica|