Tutti i “Mea Culpa” di Scicchi

Tutti i “Mea Culpa” di Scicchi

Scicchi è un talento che, negli ultimi mesi, abbiamo imparato a scoprire ad apprezzare eccome.

Appena maggiorenne e con un sacco di cose da dire (si sente subito, quando qualcuno ha l’urgenza poetica giusta), il buon Scicchi ci aveva salutato, qualche mese fa, con un singolo potentissimo, che sfuggiva di per sé alla stessa definizione di “singolo”: un lavoro realizzato negli studi di Ennio Morricone, con degli archi a cavallo tra Beatles e Verve capaci di rendere “cult” la bellezza leggera di “4 su 4”.

Oggi, invece, il talento di casa La Clinica Dischi torna con un singolo dal retrogusto trap, che dimostra l’estrema versatilità autorale di un progetto da sostenere e scoprire. Abbiamo fatto qualche chiacchiera con il ragazzo per sapere qualcosa di più.

Ciao Scicchi, allora, come stai? Vieni fuori da un periodo discograficamente niente male… L’ultimo tuo singolo era “4 su 4”, che hai registrato nella storica Forum di Ennio Morricone. Ci racconti come hai vissuto quell’esperienza?

Ciao! Tutto bene, grazie.

L’esperienza al Forum di Ennio Morricone è stata indimenticabile, registrare gli archi presso i loro studios, dove hanno messo piede alcuni dei più grandi artisti italiani e internazionali, è stato proprio come vivere un sogno, tutto grazie agli amici della Clinica Dischi che hanno reso questo possibile.

Oggi, invece, torni con “Mea Culpa”. Ti va di raccontarci com’è nato il brano?

Il brano è nato dopo una rottura con una mia ex, circa due anni fa. Era notte tarda, ho preso la chitarra e mi sono messo a suonare, finché poi le parole sono arrivate da sole. È stata una delle prime canzoni che ho registrato insieme a Clinica, e sono davvero contento di come è uscita.

Inutile ricordarti che l’estate si avvicina. Hai già qualche live in programma per il futuro immediato? Abbiamo visto che ultimamente hai partecipato al tour del tuo collega di etichetta Apice…

Sì, è stato il mio primo concerto con questo progetto, Apice è davvero fantastico dal vivo e sono contento che mi abbia dato la possibilità di partecipare alla sua data a Roma, tanti cuori per lui. Ovviamente spero di farne molti altri, impegnandomi per dare il massimo anche sul palco.

Ma un disco? Quanto dovremo aspettare, per scoprire quali sono le tue prossime mosse?

Ancora un po’ ma ci siamo quasi, stiamo lavorando sodo e di certo non rimarrete a bocca asciutta.

By |2022-05-06T13:33:03+02:00Maggio 2022|musica, recensioni|