I Rojabloreck e le loro “Decisioni meteo”

I Rojabloreck e le loro “Decisioni meteo”

Riff di chitarra ed ecco che ci approcciamo alla nuova follia partorita dalla mente dei Rojabloreck: “Decisioni meteo” è la canzone che non dovreste ascoltare se volete mantenere una sanità mentale stabile. Scherziamo, ovviamente! Forse è proprio questo il motivo per cui dovreste ascoltarla.

Una fuga dalla realtà, da quella vita che somiglia più ad un “trueman show”, per usare le loro stesse parole. Dall’inizio dei secoli ci siamo affidati alle credenze e alle banalità che ci hanno corrotto i pensieri, fino a farci perdere la speranza nella creatività e nelle fantasia. Come dei Peter Pan venuti da chi sa quale pianeta lontano, invece, i Rojabloreck ci introducono nel loro mondo fatato e mostruoso allo stesso tempo, dove il loro idolo è Raz Degan, oppure dove Paolo Fox non legge più gli astri ma diventa un illuminato che apre le porte dell’Area 51.

“Viva il pensiero libero!”: questo è sicuramente il monito della canzone; ma viva non solo il pensiero in libertà, potremmo dire anche la musica. È infatti l’ecclettismo che vige in “Decisioni meteo”, come un grande contenitore di generi musicali, in cui essi si miscelano, come in una pozione polisucco, diventando un cocktail rigenerante per ascoltatori abituati alla mediocrità. Rock, funk, pop, rap, chi più ne ha più ne metta, perché ai quattro ragazzi di Carrara, non fa paura di certo questa commistione inedita di sonorità diverse.

È forse proprio la diversità a contraddistinguerli nel marasma generale di uscite del venerdì. Noi di certo siamo stati intrappolati nelle loro domande esistenzialiste farcite di quell’ironia imprevedibile, un po’ come succede in ogni singolo della band: non puoi mai sapere cosa tireranno fuori dal loro cilindro magico!

Oggi è anche il giorno in cui esce il loro video, non perdetevelo!

 

By |2020-12-10T10:41:18+01:00Dicembre 2020|musica, recensioni|