A-Lex, il fascino della Verità

A-Lex, il fascino della Verità

A-lex Gatti è un nome che ormai fa troppo parte della mia vita per lasciare ancora troppo spazio all’obiettività di cui necessita ogni critica intellettualmente onesta; nonostante ciò, la mia passione per la profondità e l’ostinazione a voler complicare il rapporto con i miei amichetti preferiti – per saggiarne il valore, naturalmente – mi obbliga a non esimere da questa mia attitudine alla scarnificazione il singolo d’esordio di A-lex, che sì, è un esordiente, ma con il curriculum vitae più lungo di tanti.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Inner Peace Grid • • • https://open.spotify.com/track/688wJtCpmqpeKzH62uaU6H?si=NpvdP0sfQhqiHeB8SlbUXw

Un post condiviso da A-lex Gatti (@alexgattimusic_) in data:

 

Vie traverse del pop e miscele varie di progetti hanno portato il cantautore toscano all’esordio ufficiale con un brano che sa di radici, di mani che affondano ancora nella carne per scoprire se c’è un cuore – nel fondo di noi, anime da macello – e di autostrade impolverate che sanno di Route66, e tu novello Kerouac a goderti il miracolo dell’alba sdraiato lungo qualche fiume assetato del Sud; ecco, oltre la mia prolassi verbosissima c’è la condensazione sintetica di “Inner Peace”, che di America fa incetta nella digestione nuova di un brano antico che sa di blues e di Beat Generation 2.0.

Chitarroni sfrontati, macine ritmiche d’altri tempi, una vocalità spinta all’estremo della sua disperazione espressiva da una intenzione entusiasta perché sì, a fare musica ci si può e ci si deve ancora divertire: A-lex si diverte e fa sorridere.

E sì, sono di parte, è vero, ma la sincerità continua a commuovermi, e la musica a farmi credere che si possa ancora essere umani, fragili e imperfetti senza paura di rimanere nudi.

Manuel Apice

Manuel Apice è la somma delle sue domande senza risposta; ci convive bene tranne quando dimentica il suo nome. È laureato in Musica al DAMS di Bologna, fa il cantautore ed è il vincitore del Premio Fabrizio De André 2018. È sopratutto però un inguaribile narciso, con evidenti problemi di gestione nel controllare l’autoreferenziale abitudine a parlare di sé in terza persona.

By |2020-09-08T17:30:30+00:00Settembre 2020|musica|